REIKI

crea il tuo benessere

Il Reiki è un metodo di riequilibrio energetico semplice e naturale, che si basa sulla canalizzazione e trasmissione dell’energia presente nel cosmo, utile per alimentare il proprio benessere psico-fisico, per creare armonia nel proprio ambiente e, al tempo stesso, per avanzare nel proprio percorso evolutivo.

Dal 1998 mi accompagna nella quotidianità.
Con una vita in giro per il mondo, in  contesti lavorativi e socio-culturali molto diversi tra loro, con tante responsabilità e pressioni quotidiane, praticare il Reiki mi ha aiutato ad affrontare situazioni personali e professionali, a volte impegnative e complesse, con  equilibrioluciditàforza fisica e mentale.

Da anni lo insegno secondo il metodo tradizionale Usui Shiki Ryoho, arricchendo il percorso formativo con argomenti e comprensioni complementari che ho appreso ed integrato nel corso degli anni.

ASCOLTA L'AUDIO DI QUESTO TESTO by
  • ASCOLTA L'AUDIO DI QUESTO TESTO

Trasversale a qualsiasi religione, filosofia, attività lavorativa e percorso esistenziale, il Reiki può essere facilmente appreso da chiunque.
Con una formazione base di  poche ore, si diventa autonomi nell’utilizzarlo per sè, per altre persone, per animali e piante.

Accessibile a tutti, il Reiki ha diverse possibilità di utilizzo, a partire da se stessi, grazie ad una semplice e veloce tecnica per l’auto-trattamento.

E’ un valido strumento per portare sollievo e armonia interiore a chi sta attraversando momenti difficili dal punto di vista fisico ed emotivo e a chi è accanto a loro, potendo, tra l’altro, affiancare terapie mediche, a volte impegnative e debilitanti.

E’ particolarmente utile a managers, imprenditori, professionisti, medici e paramedici e a tutti coloro che conducono una vita molto intensa e impegnata, con poco tempo libero e tanto bisogno di rigenerarsi velocemente. Infatti, un auto-trattamento di soli 15 minuti,  persino in viaggio (se si è passeggeri), oltre a riequilibrare il campo energetico, può  diventare un ottimo strumento di meditazione, per accedere ad uno stato di quiete interiore, di centratura, di lucidità e di consapevolezza.

Inoltre, il Reiki può essere utilizzato professionalmente da specialisti del benessere e della relazione d’aiuto per potenziare altri trattamenti che prevedono l’utilizzo delle mani, (es. massaggi, shiatsu, riflessologia plantare, ecc.) e può accompagnare e supportare altre tecniche  e/o  percorsi evolutivi  (es. coaching, counseling, meditazione, trattamenti con la voce, con musica, colori, essenze floreali, cristalli ecc.).

E’ importante essere consapevoli che il Reiki non è una religione, non è una filosofia, non è una scienza, non è una terapia, non si sostituisce alla medicina e che, per la diagnosi e la cura di qualsiasi malattia, è necessario consultare un medico.

 

L’ORIGINE DEL REIKI

La storia del Reiki ebbe inizio in Giappone tra la fine del XIX e l’inizio de XX secolo, quando il Maestro  Mikao Usui scoprì, mise a punto ed iniziò a praticare una tecnica vibrazionale, per ritrovare e mantenere il benessere psico-fisico, basata sulla canalizzazione dell’energia presente nel cosmo, per trasmetterla a se stessi e ad altri, attraverso le mani.

Il nome giapponese Reiki deriva dall’unione di due concetti: REI (l’Energia Vitale Universale, o Energia Cosmica, inesauribile forza creativa e primordiale che  permea l’intero universo) e KI (l’Energia Vitale Individuale, detta anche Chi o Ki, nella Medicina Tradizionale Cinese, oppure Prana, nella tradizione indiana e nell’Ayurveda).

La teoria che guidò Mikao Usui si basava sul presupposto che un’unica energia compenetrasse tutto (genere umano e regni animale, vegetale e minerale e l’ambiente stesso) e che ogni forma di vita fosse connessa con il Tutto.

Praticando regolarmente il Reiki, abbiamo la possibilità di riconnetterci a questo Tutto in modo consapevole e di allinearci alle leggi universali in modo spontaneo, per affidarci ad esse e vivere assecondando lo scorrere naturale dell’esistenza  con pro-attività, per creare una vita armoniosa, equilibrata e prospera.

 

L’UTILITÀ DEL REIKI

Avendo beneficiato di persona, e per anni,  dell’efficacia del Reiki, a fronte della sua semplicità ed immediatezza, credo che possa essere utile a tutti ed elenco di seguito alcune delle ragioni per le quali lo pratico e lo insegno.

  • E’ veloce da apprendere e da utilizzare, su di sè, su altre persone, su animali, piante e ambienti.
  • E’ sempre a portata di mano, poichè necessita esclusivamente della presenza di se stessi.
  • Grazie all’auto-trattamento, che richiede solo 15 minuti al giorno, un tempo facilmente compatibile con la quotidianità di tutti, ognuno può diventare autonomo nel ritrovare e mantenere il proprio stato di benessere psico-fisico, portando equilibrio nel proprio campo energetico.
  • Il medesimo auto-trattamento può diventare, contemporaneamente, un momento di meditazione e di centratura che porta tranquillità, chiarezza,  consapevolezza, allineamento all’Esistenza, aggiungendo, così, molti benefici, pur  mantenendo invariato il tempo da dedicare.
  • Se praticato prima di dormire, il Reiki facilita un buon sonno.
  • Se praticato al risveglio, il Reiki rivitalizza velocemente l’energia e predispone ad una giornata attiva.
  • Se praticato regolarmente, il Reiki può accelerare la manifestazione di piccoli cambiamenti significativi nella propria esistenza, capaci di innescare una virtuosa reazione a catena di grande trasformazione ed evoluzione, che può condurre alla realizzazione di se stessi e del proprio progetto di vita
  • E’ il modo più semplice ed immediato che io abbia conosciuto finora, per iniziare a percepire l’Energia Cosmica e il suo potere, per canalizzarla e per sperimentare come essa opera.

 

L’APPRENDIMENTO DEL REIKI

Chiunque è in grado di imparare il Reiki in poche ore e di praticarlo subito, con facilità ed immediatezza, su di sè, su altre persone, su animali, piante e ambiente.

La formazione può essere erogata solo da un Reiki Master abilitato che, oltre  ad insegnare gli aspetti teorici e pratici, riarmonizza i canali energetici degli allievi (tramite le “attivazioni”), affinchè possano trasmettere l’Energia Cosmica in modo fluido.

Anche se l’intero percorso formativo è costituito da 3 livelli, sono sufficienti meno di 2 giorni, per acquisire l’attivazione e la formazione di 1° Livello e per poter praticare il Reiki da subito, in modo efficace.
L’apprendimento del 2° e del  3° Livello (Reiki Master) è facoltativo.

REIKI 1° LIVELLO – LA VIA DELLA SEMPLICITÀ

Tutti possono accedere a questa formazione base, che si svolge in soli 1 o 2 giorni, durante i quali si apprendono le tecniche per il trattamento su di sè, su altre persone, su animali e piante, tramite la canalizzazione e la trasmissione dell’Energia Cosmica attraverso le mani.

Il Reiki Master, oltre a spiegare la teoria, fa sperimentare individualmente le tecniche e armonizza energeticamente ogni allievo, tramite le “attivazioni”, affinchè, da quel momento, possa canalizzare e trasmettere Energia Cosmica per tutta la vita.

REIKI 2° LIVELLO – OLTRE LO SPAZIO E IL TEMPO

Si tratta di una formazione avanzata, accessibile a chi è già stato attivato al 1° Livello e ne abbia sperimentato le tecniche, su di sè e su altri,  per un po’ di tempo. 

In 1 o 2 giorni, oltre a ricevere le specifiche armonizzazioni energetiche,  si apprendono i 3 simboli e alcune delle tecniche ad essi correlate che, oltre a potenziare il flusso energetico ed amplificarne gli effetti, rispetto al 1° Livello, consentono di effettuare trattamenti a distanza e di operare al di là dei consueti concetti di spazio e tempo.

Tra l’altro, questo può essere di grande aiuto per portare pace su situazioni passate che, a volte, limitano e sabotano il presente e per co-creare la propria realtà, presente e futura in modo consapevole e con successo.

Anche se le tecniche principali  s’imparano velocemente, la sperimentazione e l’integrazione  degli insegnamenti possono continuare per tutta la vita, perchè gli ambiti di utilizzo possono essere infiniti.

Acquisire il  2° Livello Reiki è un passo importante nel proprio percorso evolutivo e nella conoscenza delle tecniche per l’utilizzo dell’Energia Cosmica. Utilizzarlo, per sé e/o per gli altri, richiede uno stato di totale presenza e connessione e rappresenta una grande responsabilità.

REIKI MASTER – ESSERE ESEMPIO E GUIDA

La ragione principale per proseguire nel percorso formativo ed acquisire l’abilitazione a Reiki Master è quella d’insegnare il Reiki e di, conseguenza, di essere esempio e guida nella quotidianità, in ogni gesto, nella vita privata e pubblica, nei momenti di svago e di lavoro, motivando ed ispirando gli altri nel loro processo di evoluzione, anche in silenzio.

Si tratta di una scelta di enorme responsabilità che, di solito,  si matura negli anni, dopo aver praticato a lungo le tecniche di 1° e 2° Livello, aver acquisito dimestichezza nella  percezione e nella canalizzazione dell’energia ed aver progredito nel proprio percorso di evoluzione della coscienza, integrando conoscenze e comprensioni di natura energetica e spirituale, che riconducono all’armonia universale.

Anche se le tecniche e il simbolo di Reiki Master si acquisiscono in pochi giorni di formazione, l’addestramento dura più a lungo, il “giusto tempo” individuale, del tutto soggettivo, durante il quale l’aspirante Reiki Master affianca un Reiki Master di fiducia, che ha il compito di aiutarlo ad acquisire sicurezza nella gestione dell’Energia Cosmica e di assicurarsi che sia pronto per questo passo e per insegnare ad altri.

Solo allora, il Reiki Master trasmette le tecniche all’allievo e lo armonizza energeticamente affinchè, a sua volta, possa formare ed armonizzare altre persone.

X
X